Un click dall'ordine al pagamento e fattura xml e pdf.
Dal 2009 aiutiamo il tuo gestionale.
Supportiamo Aruba (import xml) e Fattureincloud (diretto via API)

Guida alla Fatturazione elettronica

Vivi intensamente se pensi intensamente

Cerca qui:
 14.12.2018 Due Addenda
  • il termine per l'invio dell'xml e' di 10 giorni di tolleranza dalla ordinaria data di scadenza. Non il 15 febbraio.
  • molti gestori consentono di caricare, oltre al singolo xml, anche uno zip con tanti xml internamente. Fatturami prevederà la possibilità di generare file zip contenenti tutti gli xml da inviare. Chiedete al vostro commercialista.

Vi prego di comunicarmi per tempo ... cosa vi propone il commercialista.

 TRUCCO

Se, quando fate un ordine, non comunicate PEC ne' CODICE DESTINATARIO, il sistema di interscambio vi manderà comunque la fattura alla destinazione predefinita.

La destinazione predefinita la potete cambiare in ogni momento nell'area "fatture corrispettivi". Consiglio: impostateli quanto prima.

Questo vi permetterà di cambiare fornitore nel tempo senza dover fare aggiornare la vostra anagrafica presso tutti i fornitori.

Quindi: se ordinate online qualcosa, non indicate ne' pec ne' codice destinatario. Ma mettete quello predefinito nell'area "fatture corrispettivi" dell'Agenzia delle Entrate.

 AVVISO

Nei primi tempi fate attenzione alle fatture che vi arriveranno. Gioco che ci saranno una marea di errori e di omonimie da gestire.

 14.12.2018 Istruzioni

Fatturami.it - versione elettronica

Ci siamo quasi. Nonostante la dichiarazione di illegalità delle norme attuali, da parte del Garante Privacy, partirà lo stesso ma senza sanzioni.

Ognuno di noi deve fare qualcosa. Ecco cosa.

 In sintesi:

  • chiedete ai vostri commercialisti un esempio compilato con i dati aziendali di fattura xml per ogni tipo di vostra vendita e giratelo a info@fatturami.it
  • scegliete il canale di notifica e il relativo fornitore delle fatture passive e quello per inviarle, in funzione di quante fatture emettete/ricevete. I costi sono variabilissimi, i commercialista oggi hanno mezzo centesimo a fattura. Noi no.
  • Nota: dal primo gennaio continuate a inviare i pdf e se possibile gli xml ai clienti. Anche se non hanno valore, vi comunicheranno per tempo eventuali errori. Manderemo gli xml in un secondo momento, nei termini che indicheranno.

 Ogni azienda avrà vari tipi di fatture elettroniche in xml.

Il commercialista forniva un modello di fattura da seguire, imitato in Word.

Oggi il commercialista deve fornirci i modelli di fattura xml che dovremo usare.

Ci sono tanti dati che ogni azienda ha, e altri che il commercialista puo' individuare. Fatevi creare una fattura xml per ogni tipo di fattura che dovete fare.

Fatturami utilizzerà gli xml che voi fornirete.

 Area Fatture / Corrispettivi

Una abnormità e' l'impossibilità per i privati di contestare una fattura davanti all'ADE (Agenzia delle Entrate) che passi da SDI (sistema di interscambio).

Pare che dovremo pretendere dal privato una nota di accredito (storno).

Se non ci colleghermo all'area Fatture / Corrispettivi (con SPID o CNS o per poco ancora con i dati di accesso Entratel/fiscoonline) e non indicheremo a quale pec inviare le fatture inviate a SDI, ci troveremo nello sportello fiscale delle fatture come se avessimo fatto quelle spese, e senza ricevere alcuna notifica.

 PEC e codice destinatario per il ciclo passivo delle fatture.

Quindi o vi fate mandare tutto tramite pec o codice destinatario fornito da un fornitore che riceverà i vostri xml (fatture attive da inviare, ma anche passive ricevute).

Attenzione che non esistono controlli su PEC o codice destinatario: un errore di scrittura porterà a problemi infiniti. E ADE / SDI nega di poter rettificare dati personali sbagliati ...

 Novità

Maggiori informazioni su:

Domande a info@fatturami.it o questa email.

Spataro

 11.12.2018: Prossimi step per chi usa Fatturami (e in generale tutti):

In ordine, dal primo all'ultimo:

  1. indicare su ADE (area fatturazione e corrispettivi) la propria pec o il proprio codice destinazione. Serve a farvi recapitare le fatture che arriveranno su SDI anche solo con il vostro codice fiscale o partita iva, altrimenti le troverete solo nello sportello fiscale, ma nessuno vi avviserà e vanno contestate velocemente
  2. scegliete un fornitore (invio/ricezione) degli xml sulla base del quantitativo di fatture e dell'apertura del servizio offerto a gestione di terzi. Controllate l'apertura, non tutti sono adeguati.
  3. il ciclo delle fatture passive: non arriveranno a voi quelle dei fornitori (se non per cortesia). Le uniche valide sono quelle che girano da SDI.
  4. non inviate subito gli xml a SDI. In caso di errori dovete stornare e riemettere. Inviando prima una copia di cortesia al destinatario (senza valore) questi potrà comunicarvi eventuali errori. Nei termini di legge (piu' ampi del passato) invierete gli xml. ATTUALMENTE SONO 10 GIORNI DI TOLLERANZA DALLA SCADENZA
  5. inviate gli xml non massivamente per avere indicazioni chiare sugli errori / scarti / altro.

legenda:

  • ADE: Agenzia delle Entrate
  • SDI: Sistema di interscambio
  • XML: La fattura elettronica
  • PEC: Posta certificata
 1.12.2018: Cosa fare
  • generare l'xml, tramite un sito o un software
  • far mandare l'xml dall'intermediario e tracciare le comunicazioni da SDI
  • inviare comunque al destinatario una copia di cortesia (necessaria se SDI non la consegna)
  • controllare il deposito conservativo decennale
  • ricevere le fatture passive tramite SDI

Allo stato tutti i gestori offrono generazione o caricamento manuale dei dati per generare la fattura, con grande dispendio di tempo.

Limiti da considerare: spazio della PEC, spazio del deposito, durata dei contratti.

Sembra si possa avere un solo intermediario per la fattura attiva e uno solo (anche diverso) per il ciclo passivo.

 13.9.2018, nodi istituzionali e soluzioni successivamente individuate
  • fattura tradizionale e privati (va inviata direttamente via email tradizionale)
  • deposito obbligatorio (sia su SDI che presso fornitori)
  • spedizione (tramite PEC o canali autorizzati)
  • rinvio (solo delle sanzioni)
 Come funziona la fattura elettronica ?

La fattura e' in xml e contiene sia i dati delle fatture tradizionali che altri dati. L'eventuale rappresentazione in pdf non ha valore se non come ricevuta.

  • l'xml va generato
  • l'xml va firmato solo con la PA
  • l'xml va inviato all'ADE sull'SDI
  • se SDI non riesce a comunicare la fattura al destinatario, la dovete inviare direttamente al destinatario
  • l'xml va conservata Con i relativi controlli, ricevute e notifiche.
 Cosa cambia nell'ecommerce

La fattura elettronica non e' solo una versione xml di quella tradizionale.

Ci sono numerosi campi interni aggiuntivi. Tra di essi:

  • pec o id di contatto del cliente destinatario (e i consumatori ? Sembra bastino delle ricevute)
  • riferimento a linee di altre fatture / contratti per associare ad ogni contratto / fattura l'ulteriore voce
  • codici descrittivi del regime fiscale
  • modalita' di pagamento formalizzate
  • regime fiscale

E naturalmente ogni campo ha limiti di caratteri

 I soggetti coinvolti
  • il fornitore o l’intermediario
  • il Sistema di Interscambio SdI
  • la Pubblica Amministrazione (PA)
  • le aziende private.

Coming soon

Preventivi Brochure